9 Modi Per Risparmiare Sulla Rc Auto

Si sa, l’assicurazione auto è una delle spese che non possiamo proprio evitare! Senza contare che in Italia le polizze auto costano circa l’80% in più rispetto ad altri paesi UE come Francia, Germania e Spagna. Ma risparmiare si può: eccovi 9 consigli utili in merito.

risparmiare-assicurazione-auto

1. Usate I Comparatori Online

Usando i vari comparatori online si potrebbe risparmiare davvero tanto: anche 5-600 Euro! Portali come Segugio.it, Assicurazioni.it, Facile.it o Chiarezza.it vi consentiranno di ricevere dei preventivi di più assicurazioni, evitandovi così di compilare singolarmente i preventivi nei vari siti delle compagnie assicurative.

2. Compilare Il Preventivo In Modo Attento e Preciso

Confrontando le assicurazioni online, si potrà decidere di scegliere ed acquistare la polizza più adatta alle vostre esigenze. Tuttavia, il risultato sarà sicuramente più efficace se immetterete dati quanto più completi e dettagliati. Anche lo Stato Civile (scegliere la voce “divorziato” invece di “separato”) potrebbe determinare una differenza di prezzo! Altri parametri importanti che possono influire sul prezzo finale sono i chilometri percorsi durante l’anno. Tuttavia, oggi esistono delle offerte flessibili e personalizzate per chi ad esempio viaggia molto per lavoro e anche dei pacchetti speciali (in base ai Km effettivamente percorsi) per chi guida solo in caso di necessità (ad esempio per andare in vacanza) o per chi utilizza la macchina solo per il tempo libero. Quindi, compilare attentamente i dati richiesti…..conviene!

3. Antifurto = Risparmio

Dichiarare che il proprio veicolo è dotato di un sistema antifurto può ridurre i costi della polizza furto/incendio. In particolare, i sistemi satellitari sono quelli che offrono (rispetto ad altre tipologie) maggiori garanzie in termini di sicurezza, protezione e….risparmio! Spesso, le compagnie assicurative promettono forti sconti. Inoltre, vi consigli di dichiarare che l’automobile viene normalmente parcheggiata in un box privato, piuttosto che in strada: dimostrerà che la vettura sarà meno soggetta a rischi e, di conseguenza, il costo della polizza calerà.

4. Valutate Attentamente Le Clausole

Una buona regola, che vale un pò per tutto, è quella di fare a meno del superfluo! Questo significa “tagliare” tutte quelle clausole di cui potete fare benissimo a meno. Ad esempio, chi guida giornalmente per motivi professionali, non dovrebbe sottovalutare la garanzia “Infortuni del Conducente” (non compresa nella classica RCA!). Inoltre, la compagnia assicurativa può attivare convenzioni con alcuni carrozzieri. In questo caso, attivando la “clausola di risarcimento in forma specifica”, potrebbe aiutarvi a ridurre il costo della polizza.

5. Metodi Di Pagamento

Siete ancora “affezionati” ai pagamenti cartacei? Sveglia, siamo nel 2013!! Pagare con carta di credito (o prepagata Paypal, ad esempio) conviene: potrebbe farvi risparmiare anche il 10% sul prezzo totale. Se possibile, vi consiglio di pagare in un’unica soluzione: rateizzare, se da un lato può essere vantaggioso, renderà la polizza soggetta ai cosiddetti interessi di frazionamento!

6. Classe di Merito

La classe di merito (CU) è importante, perché determinerà buona parte del prezzo della polizza. Quindi, cercate di essere precisi! Se non sapete a quale classe appartenete, andate a vedere sull’attestato di rischio (documento che la compagnia assicuratrice è tenuta a rilasciare almeno 30 giorni prima della scadenza della polizza). In caso di prima immatricolazione del veicolo o di voltura al PRA o a seguito di cessazione di contratto, la compagnia applicherà d’ufficio la classe di CU14. Tuttavia, tenete a mente una cosa: se siete responsabile di un sinistro, potrete evitare l’aumento del premio rimborsando l’importo versato dall’assicurazione alla persona danneggiata (compilando l’apposito modulo e presentare domanda di rimborso alla Consap. Ovviamente, il rimborso diretto conviene solo per danni non superiori al 50% del premio annuo pagato!

7. Legge Bersani

Se vivete ancora in famiglia e state stipulando la vostra prima polizza assicurativa, potrete ottenere la classe di merito di un familiare applicando la Legge Bersani 2007. Appartenere alla stessa classe di merito, però, non vi esonera dalla ricerca della polizza assicurativa più conveniente, perché molte compagnie fanno pagare di più chi ha raggiunto la classe di merito più alta “per eredità” e di meno chi l’ha raggiunta “per merito”!  Quindi, vi converrà sempre calcolare un preventivo senza attivare la voce relativa, partendo dalla classe CU14.

8. La Clausola “Guida Esclusiva”

L’età del conducente è un altro parametro di vitale importanza per calcolare il premio assicurativo. Molte compagnie propongono diverse opzioni tra cui scegliere: quella più conveniente è sicuramente la guida esclusiva. La “guida esclusiva” può essere attivata solo quando il contraente della polizza è anche il proprietario del veicolo e conducente abituale, oltre che unico guidatore. Simile, è l’opzione “guida esperta”, per guidatori con età superiore ai 28 anni e “lista guidatori”, che consente di specificare tutti i conducenti che guideranno l’auto.

9. “Sono Un Guidatore Disciplinato e Coscienzioso”

Se dichiarate di essere un automobilista diligente e rispettoso delle regole stradali, potrete ottenere degli sconti dalle compagnie. Poter dimostrare di avere ancora tutti i punti sulla patente, di non aver mai avuto una sospensione dalla guida negli ultimi 5 anni, rispettare i limiti di velocità e il non aver mai guidato in stato di ebbrezza sono tutti atteggiamenti che aiutano ad evitare aumenti consistenti della propria polizza!

Articoli Correlati

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Reddit0

Leave a comment

Your email address will not be published.


*