La Franchigia Assoluta e Relativa

Come avevo già accennato in qualche articolo precedente, per franchigia s’intende quella parte di rimborso di un danno da sinistro che rimane a carico dell’assicurato. In tema di assicurazioni auto, la franchigia è quella parte di un danno provocato a terzi che toccherà all’assicurato a rimborsare. Tuttavia, anche se il codice delle assicurazioni stabilisce questo, il danneggiato in seguito potrà chiamare in causa la compagnia assicurativa per ottenere il risarcimento e la compagnia sarà tenuta a risarcirlo del danno, a prescindere dalla franchigia. Sarà poi l’assicuratore a rivolgersi al suo assicurato e a pretendere di essere a sua volta rimborsato per la parte di danno per la quale l’assicurato con la sua polizza non aveva il risarcimento garantito. La franchigia può essere di due tipi: relativa e assoluta. Nella polizza auto con franchigia relativa, il diritto al risarcimento di un danno non viene elargito al di sotto di una certa cifra. Ad esempio, se la franchigia è di 400 euro e il danno provocato ammonta a 300 euro, l’assicurato sarà tenuto a pagare l’intero importo del danno. Se invece la franchigia è di 600 euro ma il danno è maggiore, diciamo di 800 euro, allora il risarcimento sarà interamente a carico della compagnia. Nella franchigia assoluta, invece, il risarcimento rimarrà uguale sia nel caso in cui l’importo sia superiore sia che esso sia inferiore alla franchigia. Ad esempio, se la franchigia è di 400 euro e il danno è di 300 euro il risarcimento sarà a carico dell’assicurato. Se invece il danno supera la franchigia, quindi ammonta ad esempio 800 euro, l’assicurazione risarcirà un importo calcolato sottraendo il danno alla franchigia (in questo caso, 800 – 500 euro). Quindi l’assicurato avrà diritto solo a 300 euro di rimborso.

Costi

compara meglioDi solito, il costo del premio assicurativo è inferiore per la franchigia assoluta, in quanto la parte di danno della franchigia sarà sempre a carico dell’assicurato, mentre è maggiore in quella relativa, perché, se supera la franchigia, il risarcimento potrebbe essere interamente a carico della compagnia. Ad ogni modo, anche se è vero che la franchigia assoluta può costare all’assicurato anche 15% in meno, bisognerà comunque verificarne la convenienza ed essere certi di essere automobilisti “virtuosi” (cioè essere attenti e responsabili alla guida). Altrimenti, in caso di sinistro, il risarcimento dei danni risulterebbe molto basso!

P.S: Le polizze rca possono essere esclusivamente a franchigia (quindi senza il meccanismo del bonus malus) oppure combinare il bonus malus con la franchigia.

Articoli Correlati

Be the first to comment on "La Franchigia Assoluta e Relativa"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*