Come Scoprire Un Chilometraggio Taroccato Nelle Auto Usate

Uno dei problemi di chi compra una macchina usata è sicuramente quello di ritrovarsi con un veicolo che ha un chilometraggio taroccato, ovvero con un motore che ha percorso molti più chilometri di quelli visualizzati sul tachimetro. In Italia si calcola che circa il 40% delle auto abbiano un chilometraggio falso, che oggi è il principale rischio truffa del mercato dell’usato. Tuttavia, esistono dei piccoli accorgimenti utili a smascherare le frodi e a tutelare i diritti dell’acquirente.

ComparaMeglioE’ risaputo che i chilometri percorsi risultino poi un fattore essenziale per determinare il valore dell’auto e alcuni venditori lo sfruttano a loro vantaggio grazie alla compiacenza di tecnici specializzati. Per l’acquirente non è semplice quindi riconoscere un veicolo originale da uno manomesso. L’operazione che assicura massimi margini di sicurezza è costituita dall’impiego di una macchina di diagnosi. Questa permette di analizzare diversi elementi tecnici, tra cui appunto il chilometraggio effettivo. L’unico limite è la non immediata reperibilità del dispositivo: non tutte le officine, infatti, dispongono di tale strumento. Più semplice (ma meno accurato!) è il controllo del pannello di comando. In questo caso, vi consiglio di prestare massima attenzione ai particolari: se vi accorgete di “scalfitture” che possano suggerire un intervento “manipolatorio”, allora nella maggior parte dei casi avrete di fronte un tachimetro taroccato. Vi consiglio inoltre di controllare l’usura della pedaliera e del volante, perché sono indici importanti circa l’effettivo utilizzo del veicolo. Chiedete sempre al venditore di vedere il libretto delle revisioni controllando i chilometri indicati in relazione ad ogni controllo. Potrete così stimare se il contachilometri rivela i valori reali. Nel caso in cui non si trovino sia il libretto che la scheda tecnica….sappiate che le probabilità che sia pura fatalità sono piuttosto esigue! Procedete in ogni caso con il controllo del motore, che dovrebbe riportare un bollo adesivo, fornito al termine delle revisioni periodiche. Qualora non vi sia, vedete se si trova sulla parte interna delle portiere.

Ad ogni modo, chi acquista un’auto può contare su alcuni diritti che, in caso di frode, permettono di ricevere un indennizzo economico. In particolare il venditore dovrà fornire un risarcimento dell’importo in eccesso in relazione all’effettivo valore del veicolo e un altro corrispettivo per essere contravvenuto alla buona fede che ogni compratore dovrebbe possedere.

Articoli Correlati

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Reddit0

Be the first to comment on "Come Scoprire Un Chilometraggio Taroccato Nelle Auto Usate"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*