Assicurazioni Con Antifurto Satellitare: E’ Vero Risparmio?

Fra le principali novità introdotte dalla legge sulle liberalizzazioni dell’ex governo Monti nel sistema assicurativo nazionale, vi è sicuramente quella delle polizze con sistema di antifurto satellitare. Con esse, tramite l’installazione di un dispositivo “tracciante”, sarà possibile usufruire di un risparmio più che discreto. Ma è veramente così? Oggi scopriremo pro e contro di queste polizze.

antifurtoL’iniziativa di introdurre queste polizze è stata caldeggiata ovviamente dalle compagnie assicurative che, inoltre, prenderanno in carica tutti i costi relativi all’installazione, disinstallazione e manutenzione dei dispositivi. Ad oggi, risultano vendute oltre 1,5 milioni di polizze auto con sistema satellitari. Un numero alto, ma non altissimo. Tuttavia, le prospettiva di crescita del settore sembrerebbero essere incoraggianti. Oggi sono molte le compagnie assicurative che offrono la possibilità di installare un sistema satellitare integrato nel veicolo, così da poterlo monitorare costantemente…..ma anche di eseguire test e controlli in caso di incidente. Ma un dispositivo di questo tipo genera, per la sua stessa natura, dei problemi collaterali legati alla privacy, ma anche altri di tipo più “morale”. Ad ogni modo, la polizza con antifurto satellitare funziona così: l’assicurazione offre al cliente la possibilità di risparmiare sul premio previa installazione sul mezzo di un dispositivo di controllo remoto certificato dall’assicurazione.

Privacy

La privacy dell’assicurato, al contrario di quello che molti potrebbero pensare, non è un problema così grave. L’assicurazione infatti può accedere ai dati precisi dell’auto come velocità, direzione, entità dell’urto, imbardata e tutto il resto, solo ed esclusivamente in caso di sinistro. E se l’incidente non si verifica, l’assicurazione avrà accesso solo ai dati che vengono definiti “aggregati” ovvero quanti chilometri si sono fatti in un determinato lasso di tempo, l’eventuale velocità media, il tipo di percorso e cose di questo tipo. Insomma, niente di troppo personale che rappresenti una violazione della nostra privacy.

Tuttavia, bisogna considerare anche il rovescio della medaglia! Un controllo di tipo satellitare presuppone che vi siano dei controlli approfonditi in caso di sinistro, il che potrebbe diventare un problema per l’automobilista….che dovrà dire addio ai concorsi di colpa in casi limite, ai tentativi di raccontare il suo “punto di vista”. Diciamo la verità, non che questo sia un vantaggio o uno svantaggio! Anzi, è certamente un sistema più sicuro per l’accertamento delle responsabilità, ma ad ognuno di noi è lasciato il compito di vagliare la propria coscienza per capire davvero se la cosa potrebbe esserci utile e dannosa. Quindi, il torto o la ragione non verranno più stabiliti dalle persone……ma sarà certificato da una macchina! E senza possibilità di appello!

Si Risparmia Davvero?

A questo punto, molti di voi si staranno chiedendo se effettivamente si risparmi a sottoscrivere una polizza con antifurto satellitare. Allora il risparmio esiste ed è discreto! Tuttavia, è difficile ragionare in termini più pratici perché vi sono moltissime assicurazioni che consigliano l’istallazione di un antifurto e molte altre che lo offrono direttamente nel pacchetto servizi. Quello a cui bisogna fare attenzione sono i dettagli dell’accordo. Se da una parte con un antifurto satellitare si risparmia, dall’altra sarà fondamentale conoscere le clausole del contratto. Alcune compagnie richiedono, per il pagamento del risarcimento dopo l’avvenuto furto, la “prova certa” che l’impianto installato fosse perfettamente efficiente e la prova che nel luogo dove è avvenuto il furto vi sia un servizio GSM funzionante. Ovvero, che vi sia campo! Infatti, se il furto del veicolo avviene in un luogo sprovvisto di tale copertura o con apparecchio non funzionante, al contratto verrà generalmente applicata una franchigia/scoperto abbastanza pesante (diciamo fino al 25%). Altre assicurazioni, invece, fanno riferimento solo ed esclusivamente ad una lista “certificata” di centrali operative, mentre altre compagnie hanno dei sistemi satellitari accettati o meno. Un altro fattore da considerare è che le schede SIM dopo 11 mesi scadono. E se dimenticate di ricaricarla e vi rubano la macchina, l’assicurazione non vi risarcirà di un’euro!

Articoli Correlati

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Reddit0

Be the first to comment on "Assicurazioni Con Antifurto Satellitare: E’ Vero Risparmio?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*