Novità Assicurazioni: In Arrivo il Tagliando Elettronico

E’ in arrivo un’importante e rivoluzionaria novità nel settore delle assicurazioni: il contrassegno elettronico. Si dice che l’entrata in vigore sia imminente, si aspetta solo il via libera da parte dell’Ivass al decreto in merito, in quanto ha già ottenuto l’ok da parte della Sezione Consultiva del Consiglio di Stato.

tagliando elettronicoIl tagliando elettronico per le polizze auto e moto era stato pensato nel 2012 dal Governo Monti con l’obiettivo primario di limitare le truffe alle assicurazioni: in pratica, una misura antifrode che si basa sulla maggiore difficoltà di falsificazione del contrassegno assicurativo rendendolo così più sicuro di quello tradizionale cartaceo. Nello specifico, per contrassegno/tagliando elettronico dell’assicurazione si intende una sequenza di informazioni digitalizzate che identificano veicolo, polizza stipulata e sua validità, nonché l’assicurato; quando viene sottoscritta la polizza viene data all’assicurato una scheda con microchip (che va a sostituire il tagliando cartaceo obbligatoriamente esposto sul parabrezza) e un dispositivo elettronico per la lettura delle informazioni, in grado tra le altre cose di comunicare in tempo reale con la centrale operativa della compagnia assicurativa. L’Ivass, a cui spetterà l’ultima parola, sta vagliando attentamente la riforma: ad ogni modo, l’introduzione dei tagliandi elettronici per le assicurazioni vedrà per forza di cose la nascita di una banca dati che riesca a controllare in tempo reale le coperture assicurative basandosi sugli archivi della Motorizzazione Civile e dell’Ania. Tuttavia, sarà creato anche un elenco dei mezzi non assicurati con l’obiettivo (si spera!) che tutto ciò, insieme alle informazioni che derivano dai vari sistemi di rilevazione a distanza (le scatole nere), porti ad un abbassamento dei costi dei premi di polizza. Comunque, i primi due anni saranno una sorta di “rodaggio” per il contrassegno elettronico: in seguito, le autorità preposte analizzeranno la sua effettiva efficacia e vedranno quali coperture assicurative saranno attive, anche grazie ai vari dispositivi elettronici come quello del controllo del  traffico, tutor, autovelox e telecamere che sorvegliano le Zone a Traffico Limitato (ZTL). Le Forze dell’Ordine avranno quindi maggiori possibilità di controllo e di confronto dati!

A questo punto, appare chiaro che sorgano alcuni problemi legati alla privacy degli assicurati che devono essere necessariamente affrontati non solo dall’Ivass, ma anche dai vari garanti e dalle associazioni dei consumatori, degli automobilisti/motociclisti e dei cittadini in genere.

Articoli Correlati

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Reddit0

Leave a comment

Your email address will not be published.


*